Vai al contenuto

FisioScience: non solo corsi di formazione, ma anche marketing, supporto legale e fiscale

Grazie al web e ai sistemi di geolocalizzazione, trovare i contatti di fisioterapisti nelle vicinanze è sempre più semplice. Ma il loro numero cresce di anno in anno: secondo l’ultimo censimento dell’Albo dei Fisioterapisti, in Italia a fine 2020, superavano i 63mila. Questo comporta un’accesa competizione nel territorio dell’online tanto che la vera difficoltà per un paziente sta nel riuscire a scegliere chi contattare. Secondo FisioScience – startup nata a Verona nel 2018 con lo scopo di creare un canale di divulgazione scientifica di tecniche e pratiche legate alla materia della fisioterapia – per un
professionista che sceglie di lavorare nel mondo della riabilitazione, il web e i social media
sono dei canali estremamente importanti, ma spesso non si hanno le competenze adatte
per sfruttare le loro potenzialità.

Se inizialmente la mission di FisioScience era principalmente quella di potenziare le competenze di fisioterapisti e studenti di fisioterapia tramite corsi a distanza, ora la startup punta a garantire una formazione dalla A alla Z, che dia la possibilità ai propri utenti di migliorarsi anche in quei campi che non si studiano in facoltà: marketing, legal e fisco. All’interno del Club, ogni iscritto avrà a disposizione webinar realizzati da consulenti legali e fiscali che avranno l’obiettivo di chiarire i principali dubbi nello svolgimento della professione, dai temi della privacy a quelli legati alla libera professione, fino
all’apertura di uno studio fisioterapico. Per quanto riguarda i corsi di marketing sanitario, questi ultimi saranno tenuti da professionisti della comunicazione specializzati in ambito medico, che aiuteranno i futuri fisioterapisti a crearsi un proprio brand, migliorare la propria visibilità e distinguersi dalla
concorrenza.

E da quest’anno FisioScience, grazie all’accreditamento ottenuto dal Ministero della Salute, è entrata a far parte degli enti abilitati a erogare formazione in tutte le classi delle 22 professioni sanitarie riconosciute in Italia. Dall’esperienza dei più di 1200 fisioterapisti che frequentano la piattaforma, FisioScience ha selezionato le 5 azioni che più attraggono clienti per quei fisioterapisti che curano la propria immagine professionale online:

  1. Sito e social attivi e funzionanti: avere un sito internet proprietario e dei social
    network attivi e in ordine è il primo passo per farsi conoscere online. Ciò che è
    importante è che sia facile trovare i riferimenti online del fisioterapista e avere una
    chat a cui poter rispondere a tutte le domande dei possibili clienti.
  2. Blog personale e casi studio: un blog è un primo strumento per creare
    autorevolezza a costo zero. Basta creare un piano editoriale e condividere anche i
    casi di successo così che gli utenti possano vedere già se il fisioterapista ha curato
    casi simili al loro.
  3. Social non convenzionali: TikTok, Twitch e altri social network più giovani
    sembrano pensati proprio per un target che non è in linea con i professionisti. Infatti,
    proprio per questa credenza che c’è più spazio di manovra per farsi conoscere anche
    da chi, un giorno, avrà bisogno di un fisioterapista.
  4. Dirette: gli utenti online hanno voglia di confrontarsi e creare delle dirette sulle
    diverse piattaforme disponibili, creerà un legame più forte con i propri follower e darà
    la possibilità al professionista di mostrare le sue competenze e le sue conoscenze su
    determinati argomenti. Ad esempio, strutturare una sessione di Q&A può essere una
    strategia efficace per fidelizzare il proprio pubblico.
  5. Newsletter: un ultimo suggerimento per rendere ancora più fidelizzati i propri utenti è
    quello di creare una personal newsletter in cui dare consigli per migliorare, ad
    esempio, la propria postura, suggerire video per fare degli esercizi in autonomia e
    ricordare loro che le porte dello studio sono sempre aperte.

Riepilogo

Sito web: www.fisioscience.it

Settore: digital

Key Figures: Niccolò Ramponi, Valerio Barbari, Stefano Diprè, Giandomenico Campardo, Paolo Torneri

Newsletter

Inserisci la tua e-mail e resta aggiornato sul mondo dell'innovazione in Veneto (e non solo)