Vai al contenuto

Alla vicentina Vibes il primo posto al Premio Start Up d’Impresa Luciano Miotto 2021

Una startup specializzata in manutenzione predittiva sui macchinari aziendali. La vicentina Vibes è la realtà che ha conquistato il primo posto al Premio Start Up d’Impresa Luciano Miotto 2021, aggiudicandosi così un anno di incubazione virtuale gratuita presso l’Incubatore Certificato t²i, grazie alla quale sarà affiancata in tutte le fasi di sviluppo della startup: da azioni di business checkup allo sviluppo del modello di business, dall’attività di networking alla promozione, fino al supporto informativo per l’accesso a finanziamenti pubblici e supporto alla proprietà industriale.

La startup, che ha attualmente sede presso l’Elevator Innovation Hub – un polo di innovazione con radici nel territorio berico – e fondata da un team prevalentemente under 30, ha sviluppato un sistema composto da sensori vibrazionali su tre assi con all’interno un software che, sfruttando dei particolari algoritmi e l’intelligenza artificiale, riesce rilevare e a prevedere con largo anticipo eventuali guasti o rotture della macchina. La startup ha in attivo diverse collaborazioni con aziende per cercare di migliorare il dispositivo che intercetta anzitempo le anomalie dei componenti dei macchinari.

Ad aggiudicarsi il secondo posto al Premio Start Up d’Impresa, la startup innovativa Enismaro di Salerno, composta da una coppia di ragazzi under 35, che hanno presentato un sistema di tracciabilità per i prodotti agroalimentari end-to-end che fornisce un’unica visione del ciclo di vita del prodotto lungo tutta la catena di approvvigionamento, attraverso l’utilizzo di tecnologie 4.0, in particolare Blockchain e sensori IOT. Il terzo posto è stato invece conquistato dal team rodigino guidato da Luca Signorin e Raffaele Rugin, che ha sviluppato uno smart controller per gestire il ricircolo negli ambienti interni, con l’obiettivo di minimizzare i costi energetici e massimizzare la qualità dell’aria. Ad entrambi i progetti sono stati assegnati alcuni servizi a supporto della fase di startup, valutazione dei fabbisogni, digitalizzazione e sviluppo/review del modello di business e supporto formativo per la gestione d’impresa.

Quarta e quinta classificata, le startup Dabo Hts 4.0 (Padova) e Quinck (Bologna): la prima, selezionata per lo sviluppo di un sistema di radiazione per l’eliminazione automatica di virus e batteri da pulsantiere e touchscreen; la seconda, sviluppatrice di un’app per l’accesso universale e automatico ai servizi di trasporto in Italia e nell’Unione Europea. Insieme alle prime tre classificate del Premio Start Up d’Impresa, Dabo Hts 4.0 e Quinck avranno quindi diritto a un servizio di orientamento e accompagnamento per presentare domanda di finanziamento, offerto alle cinque finaliste da Invitalia per t²i, partner del Sistema Invitalia Startup.

Newsletter

Inserisci la tua e-mail e resta aggiornato sul mondo dell'innovazione in Veneto (e non solo)