Il consolidamento della blockchain in ambito agroalimentare

Fra le soluzioni innovative per la tracciabilità alimentare spicca la blockchain, in grado di garantire trasparenza e immutabilità dei dati lungo tutta la filiera. Si tratta di un database decentralizzato, criptato, condiviso e formato da una catena di blocchi che contengono le informazioni rese irreversibili e inalterabili. Secondo il report “Key Vertical Opportunities, Trends & Challenges 2020-2030“ di Juniper Research, la tecnologia sarà sempre più centrale nel campo agroalimentare, apportando diversi vantaggi:

  • una semplificazione della catena di approvvigionamento e una riduzione dei costi dei rivenditori;
  • una conformità normativa più snella;
  • un miglioramento delle tempistiche legate al processo di ritiro degli alimenti;
  • un considerevole risparmio in termini di frodi alimentari a livello globale, che si stima possa raggiungere l’ammontare di 31 miliardi di dollari entro il 2024.

Una implementazione della blockchain incoraggia le aziende del settore a perseguire obiettivi di trasparenza, immutabilità e condivisione dei dati lungo tutta la filiera, caratteristiche che si riflettono positivamente sulla fiducia dei consumatori o, più in generale, sulla fiducia di chi può accedere alle informazioni sui prodotti. Tra gli obiettivi di maggiore rilevanza troviamo:

1. le opportunità commerciali e di marketing. La blockchain viene scelta principalmente come leva di strategie in fatto di marketing: le imprese utilizzano la tecnologia per dimostrare ai consumatori la propria trasparenza, offrendo la possibilità di accedere alle informazioni dei prodotti anche attraverso alcuni strumenti digitali in grado di aumentare l’esperienza dell’utente stesso (come i codici QR).

2. L’efficacia della filiera. Le caratteristiche di immutabilità e trasparenza della blockchain vengono utilizzate per migliorare le catene di approvvigionamento, aumentando la visibilità delle informazioni e, di conseguenza, l’efficacia dell’intera filiera.

3. La sostenibilità. Le aziende cercano di tenere traccia e di dare risalto alle proprie pratiche sostenibili. In questo senso, la blockchain è in grado di garantire le informazioni sull’origine e sulla qualità dei prodotti in linea con gli impegni assunti a livello internazionale a tutela dell’ambiente.

4. La sicurezza alimentare e lotta alla contraffazione. Un’altra applicazione della blockchain riguarda la sicurezza alimentare, rendendo più efficienti ed efficaci le procedure di richiamo dei prodotti, soprattutto nel settore della grande distribuzione per tutelare brand e consumatori finali. La tecnologia è una valida alleata anche nella difesa dell’autenticità dei prodotti dalla falsificazione, dal grey-market, dal furto, agevolandone la tracciabilità e rendendo impossibili – o quantomeno molto difficili – l’alterazione delle informazioni inserite.

Newsletter

Inserisci la tua e-mail e resta aggiornato sul mondo dell'innovazione in Veneto