LaserCube, il terminale miniaturizzato per le telecomunicazioni ottiche: il progetto di Stellar Project

Stellar Project, startup deep tech nata come spin-off dell’Università di Padova, offre soluzioni rivoluzionarie per i satelliti leggeri, ponendo molta attenzione alla sostenibilità dello spazio. Nata nel 2016 dalla visione condivisa di Marco Ramadoro, Alessandro Francesconi e Federica Fistarollo, l’azienda mira a colmare il divario di prestazioni e capacità tra piccoli satelliti e grandi veicoli spaziali attraverso una tecnologia originale, ma anche accessibile e conveniente.

A seguito della realizzazione del progetto Stellar, volto fornire un aumento progressivo delle capacità dei nano/micro satelliti e facilitare/accelerare il passaggio dalle architetture tradizionali dei veicoli spaziali ai futuri sistemi spaziali miniaturizzati, nel 2021 Stellar Project ha lanciato in orbita LaserCube. Si tratta di un terminale miniaturizzato a basso consumo e alte prestazioni per telecomunicazioni laser, una sorta di “autostrada” brevettata per piccoli satelliti che garantisce un aumento sostanziale del volume dei dati trasmessi, della loro sicurezza e velocità. Il progetto è stato sviluppato nell’ambito del programma ARTES dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), in collaborazione con l’Università di Padova e con il supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI). Dopo aver completato con successo il test di laboratorio a terra, LaserCube è stato lanciato in orbita posizionato a bordo dell’ION Satellite Carrier (ION) di D-Orbit, il veicolo di trasporto orbitale della società di logistica spaziale che, secondo un piano concordato con Stellar Project, gestirà le operazioni e raccoglierà tutti i dati rilevanti per completare l’esperimento. Il progetto punta a creare nuove opportunità di business nella crescente New Space Economy, valorizzando strumenti quali Earth Imagery, previsioni meteorologiche, telecomunicazioni globali e servizi Internet, Internet of Things (IoT) e Machine-to-machine (M2M).

Stellar Project lavora in consorzi nell’ambito del programma H2020 sulla comunicazione quantistica e ha iniziato ad espandere l’attività di analisi dei dati sia per applicazioni terrestri che per l’ambiente spaziale fornendo strumenti utili per l’analisi e il monitoraggio dei detriti spaziali.

Riepilogo

Sito web: stellarproject.space

Settore: Space Economy

Key figures: Marco Ramadoro, Alessandro Francesconi, Federica Fistarollo

Newsletter

Inserisci la tua e-mail e resta aggiornato sul mondo dell'innovazione in Veneto

Tag: