La mobilità elettrica e modulare di NEXT: il futuro nasce a Padova, passando per Dubai

Next Future Transportation è una startup di Padova attiva nel mondo del mobility e nata dall’intuizione di Tommaso Gecchelin, che vanta una laurea in Fisica e un’altra in Industrial Design. Dal disagio personale dovuto alla pendolarità, l’idea è sbocciata nel 2012 con il desiderio di combinare la convenienza e la sostenibilità dell’autobus e la flessibilità del taxi, ma è nel 2015 che, con l’aiuto dalla Silicon Valley del co-founder Emmanuele Spera, il progetto ha iniziato a svilupparsi.

NFT ha progettato un bus componibile, con moduli elettrici in grado di agganciarsi e sganciarsi all’occorrenza e capaci di muoversi senza autista quando saranno completamente sicuri e ove sarà consentito. Grazie a queste peculiarità, i “pod” potranno percorrere la stessa tratta, per poi scollegarsi in base alla destinazione scelta dai passeggeri tramite una apposita app. La modularità dinamica garantisce l’ubiquità e la flessibilità di un’auto personale. Ogni veicolo può accogliere fino a 10 persone (6 sedute, 4 in piedi), misura due metri e mezzo, è realizzato con un alluminio leggero e resistente, ha quattro ruote sterzanti e viene alimentato con energia elettrica. Ne deriva un miglioramento della capillarità su un territorio, come il nostro, molto distribuito e in termini di comfort, ma non solo. Nei moduli agganciati i passeggeri vengono ridistribuiti per ottimizzare il tasso di occupazione, per ridurre il consumo di energia e per aiutare la decongestione del traffico. Calcoli effettuati dalla New York University evidenziano una diminuzione dell’80% del traffico e una capacità di trasporto triplicata rispetto ai sistemi non modulari. Durante il viaggio è possibile richiedere moduli di servizio (bar, servizi igienici, ristoranti), che si uniscono direttamente al modulo in cui ci si trova, senza dover effettuare una sosta.

Nel 2016 Next ha vinto un concorso di accelerazione per startup a Dubai, ottenendo la possibilità di proporre i prototipi al ministero dei trasporti locale. Nel 2017 i primi due veicoli realizzati sono stati presentati al Dubai World Government Summit e nel 2018 la startup ha avviato una collaborazione con il Comune di Padova per effettuare dei test su strada a partire da fine 2019. Next vuole arrivare a creare dei trasporti che non siano più tempo perso, ma “vita in movimento“.

Video presentazione

Riepilogo

Sito web: https://next-future-mobility.com

Settore: mobility

Key figures: Tommaso Gecchelin, Emmanuele Spera

Tag: