Start Cup Veneto 2020: i 12 progetti promossi alla fase finale

Si è conclusa la prima fase della Start Cup Veneto, la business plan competition organizzata dagli Atenei del Veneto. La diciannovesima edizione ha registrato 230 iscrizioni: tra i 107 progetti inseriti all’interno del portale online dedicato, 70 sono quelli conclusi con successo.

Hanno ottenuto l’accesso alla seconda fase i seguenti 12 progetti considerati più meritevoli da un Comitato tecnico scientifico:

  • Alghetica: Next generation algae for the production of food ingredients.
  • CHEERS2LIFE: Celle fotovoltaicHE da scarti di vinificazione per la produzione di Energia Rinnovabile e Sostenibile per Layers Integrati in Facciate Efficienti.
  • DeepVet: Supporto veterinario h24 in modalità remota con intelligenza artificiale.
  • e-Thermocompost: Ottimizzazione dei tradizionali impianti di Thermocompost tramite l’utilizzo di innovativi materiali che stimolino l’attività microbica elettroattiva.
  • FACTORS – Formal Assurance of Cybersecurity and Trustability Of Robotics Systems: Verificare robustezza e affidabilità di sistemi robotici IoT & IIoT identificando possibili vulnerabilità con metodi formali.
  • HandyPlasma: Un innovativo dispositivo al plasma per una rapida ed efficace sanificazione delle mani.
  • Nano-espresso: Nanoparticelle e agenti di contrasto per bioimaging con un click sul proprio smartphone: facile come inserire una capsula e farsi un caffè a casa.
  • Oltre: Oltre offre supporti alla mobilità a persone affette da disabilità visive e motorie al fine di produrre accessibilità urbana ed inclusione sociale.
  • Pain Vojager: Sistema di classificazione del dolore nei pazienti sottoposti ad intervento chirurgico in anestesia generale.
  • Patient-deRivEd iDrogel and organoIds as a Combined Tool for oncological personalized medicine – PREDICT: Anticipazione della risposta terapeutica paziente-specifica mediante generazione di un modello 3D chimerico di idrogel e organoidi derivati dal paziente.
  • RI-PRESE memory keepers: RI-PRESE digitalizza filmini di famiglia e archivi cinematografici d’impresa con il fine di valorizzare la memoria del territorio.
  • Rive: Rive è un software per la progettazione meccanica che sostituisce l’ingegnere nelle fasi più ripetitive e noiose, riducendo gli errori di distrazione.

Durante la fase finale, i 12 team parteciperanno all’Acceleration program, il programma specifico ed intensivo di formazione. Quattro giornate (il 15, 20, 21 e 22 luglio a Padova) di lezioni con professionisti del settore dell’innovazione, del business e della gestione societaria, formatori ed esperti consulenti grazie ai quali le squadre avranno modo di acquisire competenze specifiche utili alla redazione del Business Plan e alla realizzazione del video pitch.

Tra i vari argomenti trattati ci saranno: Startup ecosystem and vocabulary, Business plan structure, Market analysis (customer and competitors), Costs & Revenues Model, Marketing strategy, Financial Model (Bep and Cash Flow), Business model canvas Workshop, Public speaking laboratory, Pitch preparation, Pitch session di pre-validazione. Al programma di accelerazione si aggiungono momenti di confronto con imprenditori e startupper, nonchè incontri one-to-one con i formatori nei mesi successivi.

Alle quattro tradizionali categorie (life science, Ict, Cleantech & energy, Industrial) si affianca quest’anno quella “Culture, creativity & inclusive society”. I 5 progetti premiati di Start Cup Veneto parteciperanno al “Premio nazionale per l’innovazione 2020”, con i vincitori delle altre Start Cup italiane.